Home / Appuntamenti / Consiglio Comunale / Cultura / Glenn Miller Band / Il Territorio / La comunicazione per la partecipazione / Manifestazioni / Gastronomia / Turismo /
Il Territorio
Monte Pelpi
 
«torna indietro
ti trovi in:
Monte Pelpi
 
Monte Pelpi

  E’ la bella montagna sovrastante Bedonia che si eleva a guisa di cono tra le valli del taro e del ceno vestita nella sua sommità di praterie e di annosi faggeti , dalle cui balze sgorgano fresche e limpidissime sorgenti tra cui la così detta “fontana sfogata”.

Il Cap. Boccia afferma essere le sue acque “commendate perché guariscono da molti mali coloro che ne devono e ne prendono i bagni”.

Anche il Piccinelli nella sua descrizione delle Valli del taro e del Ceno (1617) dice che “ bevendo l’acqua della quale si guariscono tutti i mali di gola”.

La visuale da questa vetta supera quella del Monte Penna.

Infatti nelle giornate di perfetta trasparenza non è difficile scoprire il mare, si spazia a sud nella vallata del Taro e a nord in quella del Ceno “ tutta a seni e anfratti per le vallette da cui è interessata, le quali specialmente nelle ore pomeridiane si vestono di giochi sorprendenti di luce.

E attorno nel sereno immenso una corona grandiosa di giganti che si seguono secondo una curva ovest-sud-est Monte Ragola, Maturasa, Bue Penna, Zatta, Zuccone, Gottero, Molinatico , Orsaro.Poi le Alpi Apunae, il Barigazzo, il Pizzo d’Oca , le montagne di bardi, di Morfasso, di Bettola.Lontanissima appare la pianura divisa dal Po e sopra i vapori dell’orizzonte si intravede fiammeggiare il Monte Rosa “ (Flora del Monte Pelpi – La giovane montagna 1942) 

Questo monte maestoso, lambito dal Ceno e dal Taro, che difende dai venti freddi del nord Bedonia e Compiano, nella cui cima si allarga una prateria lunga un chilometro e mezzo merita di essere valorizzato anche nella stagione invernale.Infatti nel versante Nord si conserva a lungo la neve, vi crescono anche fiori rari , tra cui arniche, orchidee e narcisi.

Una grande croce di ferro alta 23 metri innalzata nel luglio 1956 corona la vetta.

Un bell’invito per gli appassionati della montagna è la festa campestre di San Gioacchino che si celebra a metà agosto.

 

Bibliografia

-Itinerari Turistici della Provincia di Parma - E. Dall'Olio -

Artegrafica Silva 1976

 


Data di creazione: 03/12/2003
Data di modifica: 03/12/2003
versione stampabile
Home | Appuntamenti | Consiglio Comunale | Cultura | Glenn Miller Band | Il Territorio | La comunicazione per la partecipazione | Manifestazioni | Gastronomia | Turismo |